Warning: include(/web/htdocs/www.ecomuseosiena.org/home/wp-includes/metawp.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.ecomuseosiena.org/home/wp-load.php on line 94

Warning: include(): Failed opening '/web/htdocs/www.ecomuseosiena.org/home/wp-includes/metawp.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.ecomuseosiena.org/home/wp-load.php on line 94
L’Oratorio dei Tredicini | Ecomuseo Siena
login
registration

L’Oratorio dei Tredicini

Interno dell'oratorio

L'Oratorio dei Tredicini

Facciata

L'Oratorio dei Tredicini

Luogo: Via del Casato

Contrada: Nobile Contrada dell’Aquila

Data/periodo: La chiesa è stata costruita nel 1629.

Descrizione: Nell’agosto del 1607 venne fondata la Congregazione di S. Giovanni Battista., detta dei Tredicini dal numero dei suoi fondatori che vollero ricordare con questo nome i componenti dell’Ultima Cena (il Cristo e i dodici apostoli). La Congregazione aveva scopi di preghiera e di assistenza religiosa. I suoi componenti celebravano con particolare solennità la ricorrenza della nascita del Battista, nella domenica infraottava del 24 giugno.

 Nel 1629, Girolamo Pecci donò loro un edificio nel Casato, sopra a Fonte Serena. Lì venne costruito un oratorio, opera dell’architetto Flaminio del Turco, che fu arricchito da tele di artisti senesi come la Moltiplicazione dei pani e dei pesci ( 1643) di Domenico Manetti, la Nascita, circoncisione e imposizione del nome del Battista (1670) di Bernardino Mei e la Sacra Famiglia con Giovannino e Tommaso Caselli nelle vesti di S. Tommaso ( 1638) di Astolfo Petrazzi, opere a cui più tardi si aggiunse una Madonna del latte (1866) di Francesco Brogi.

Un altro quadro, la Sacra Famiglia con S. Giovannino, i genitori e due angeli (1614) di Sebastiano Folli venne data in uso nel 1800 al sacerdote Gaspero Petrini, parroco di S. Pietro a Ovile, e in questa chiesa si trova tuttora.

Nel 1788 il Granduca di Toscana Pietro Leopoldo di Lorena soppresse, fra le altre congregazioni religiose, ecclesiastiche e laicali, anche quella dei Tredicini e donò la chiesa e l’annessa sacrestia alla Contrada, che ne fece il proprio Oratorio, del quale è ancora oggi gelosa custode.

Bibliografia:

Ceccherini D., Gli oratori delle Contrade di Siena, Betti, Siena, 1995.

Fattorini G., Un oratorio per tredici confratelli, in Restauri. Nobile Contrada dell’Aquila, Il Leccio, Siena, 2006.

Gigli G., Diario sanese, Quinza, Lucca, 1722, vol. I.

Pecci G.A., Ristretto delle cose più notabili della città di Siena, Rossi, Siena, 1761

Tesori e memorie di Contrada. Nobile Contrada dell’Aquila, Siena, 2007.

Testimonianze del secondo Millennio, a cura di Capperucci M., Torriti P. e Manganelli G., Nobile Contrada dell’Aquila, Siena, 1999

Autore scheda: Nobile Contrada dell’Aquila, Odoardo Piscini

invia ad un amico Stampa
  • Dove si trova sulla mappa
    • Interno dell'oratorio
      Facciata