login
registration

Le campane dell’oratorio di San Giacomo

Campana maggiore

Le campane dell'oratorio di San Giacomo

Corona

Le campane dell'oratorio di San Giacomo

Sant'Anna

Le campane dell'oratorio di San Giacomo

Elefante

Le campane dell'oratorio di San Giacomo

Campana minore

Le campane dell'oratorio di San Giacomo

San Cristoforo

Le campane dell'oratorio di San Giacomo

San Giacomo

Le campane dell'oratorio di San Giacomo

Campanina

Le campane dell'oratorio di San Giacomo

Lato del campanile

Le campane dell'oratorio di San Giacomo

Panorama

Le campane dell'oratorio di San Giacomo

Disegno dinsieme

Le campane dell'oratorio di San Giacomo

Luogo: Via di Salicotto

Contrada: Contrada della Torre

Denominazione: Le campane dell’oratorio di San Giacomo

Data/periodo: Due campane realizzate nell’anno 1900 e collocate nella sede attuale nello stesso anno; sulla terza campana sono in corso studi di approfondimento.

Descrizione: Oggi il suono delle campane ha perduto parte del suo significato intrinseco di richiamo e spesso accade di non riconoscerne il messaggio. Se tutti identifichiamo il segnale del mezzogiorno, o lo scandire delle ore o, purtroppo, i cupi rintocchi dell’annuncio di una morte,  quanti, sebbene sia una tradizione di secoli, sanno più riconoscere il richiamo per la celebrazione di sacramenti, atti di culto o riti liturgici quotidiani? Gli oratori di contrada, fin dall’origine, sono stati sia luoghi di preghiera sia di ritrovo dell’intera comunità: è qui che, anche in anni recenti, si allenavano alfieri e tamburini; si tenevano assemblee di popolo, spesso animate e becere tanto che talvolta le immagini sacre venivano coperte con panni perché “non vedessero e non sentissero”. E’ logico dunque che le loro campane non abbiano un uso strettamente religioso, come d’altronde avveniva in epoca antica. Al richiamo alle celebrazioni liturgiche ordinarie e altre manifestazioni di preghiera si uniscono quindi suoni specifici, ben riconosciuti non solo durante le feste patronali o per avvisare dell’arrivo di un neonato ma anche, quasi fossero delle voci familiari, per informare su appuntamenti contradaioli come la convocazione di un’assemblea; l’inizio delle operazioni di voto per gli organi di contrada e il relativo insediamento; l’inizio o la conclusione del “giro” annuale; l’arrivo delle consorelle durante il loro ”giro” o per i festeggiamenti del palio vinto. Ma il suono, la musica, che ogni contradaiolo aspetta dalla sua “campanina” è quello che annuncia la vittoria del Palio: la voce festosa che accompagnerà poi il giubilo per ore e ore, giorni e giorni. Uno dei più antichi oratori di Siena è quello della Contrada della Torre, edificato dopo la vittoria senese sui fiorentini nella battaglia di Camollia del 1526 e dedicato oggi a San Giacomo e Sant’Anna. Situato in via Salicotto, la strada principale del rione, è affiancato sul lato destro dal campanile realizzato nel 1900 su progetto di Agenore Socini, architetto ufficiale della Contrada dopo la morte di Giuseppe Partini. La benedizione di due nuove campane per il campanile avvenne il 25 luglio 1900 mentre l’inaugurazione, programmata per il 5 agosto, fu rimandata al 25 luglio dell’anno seguente. A causa dell’omicidio del re Umberto I la Torre sospese infatti i festeggiamenti indetti per la celebrazione del santo patrono. Le due campane maggiori riportano epigrafi in latino dettate dall’allora Vicario della Contrada Pier Agamennone Alessandri, sacerdote. Quella su via Salicotto, la “maggiore” è chiamata affettuosamente “Gaspare” in ricordo del grande benefattore della Contrada don Gaspare Olmi che nell’occasione le donò. Attualmente si trovano solo tre delle quattro campane sul campanile nel 1900. Tutte e tre, a slancio, di forma “tardo gotica” sono in bronzo. La più piccola, a sud, ha  semplici decorazioni lineari e un’epigrafe in caratteri latini maiuscoli. Non ha corona; il diametro alla bocca è di 26 cm; mi bemolle la nota musicale. Le due maggiori, con corone a quattro braccia, hanno fasce decorative fitomorfe nella parte superiore del vaso sonoro e a ovuli in prossimità del bordo di percussione, intervallate da linee orizzontali; due elefanti a rilievo – emblemi della Contrada – e le epigrafi allegate in caratteri latini cubitali. Sulla “maggiore” inoltre le immagini del re Gaspare, uno dei tre re magi, genuflesso mentre offre il suo dono, e Sant’Anna con Maria fanciulla. Il diametro è di 66 cm; do diesis la nota musicale. Sulla campana “minore” le immagini di San Cristoforo, a cui in passato fu dedicato l’oratorio, e San Giacomo; il diametro è di 58 cm; mi bemolle la nota musicale.

Bibliografia:

Ceccherini D., Santi Giacomo e Cristoforo, oratorio della Contrada della Torre, in Gli Oratori delle Contrade di Siena, Siena, Betti, 1995, p.170.

Pennino M., Passo passo per il Novecento. Memorie di chiesa e di Contrada, in Orsini D. (a cura di), L’oratorio della Contrada della Torre, San Giacomo maggiore. Restauri, storia e testimonianze, Siena, Protagon Editori Toscani, 2003, pp.50, 51.

Pennino M., “Suona torrina, suona le tue campane… ”, in “Salicotto notizie”anno XII, n.1, pp. 8, 9.

28 Luglio 1901, Rendiconto delle nuove campane e del nuovo campanile della chiesa della Contrada della Torre, Siena, 1901.

XXVIII Luglio MCMVII, Contrada della Torre, Note storiche, Siena, 1907.

Le nuove campane della “Torre”, in “La Vedetta Senese”, 26 luglio 1900, p.2.

La costernazione in città, in “La Vedetta Senese”, 31 luglio 1900, p.2.

Cose d’arte, in “Il Libero Cittadino”, 12 agosto 1900, p.3.

Altre fonti:

Archivio Contrada della Torre, Rosini L., Istoria della Contrada della Torre, manoscritto, vol. I, pp. 81a-85; vol.3, p.1,1a.

Archivio Contrada della Torre, Economato, X.A.a.1.; Deliberazioni, II.A.3., II.A.4.; Appendice, D.c.1.

Archivio Storico del Comune di Siena, Post Unitario, XA.cat.XIV.b.29.; XA.cat.XXI.b.16.

Note: Le tre campane hanno subito numerosi interventi di restauro preventivati fin dal 1902. In particolare sono stati sostituiti i ceppi di sospensione che avrebbero potuto compromettere la stabilità dell’intera struttura campanaria.

È comunque impossibile il movimento a doppio per l’esiguità dello spazio della cella. Si rendono inoltre necessarie, annualmente, opere di bonifica dagli escrementi dei volatili nocivi per il bronzo.

Audio: Nella sezione “Audio” è presente il file “La voce delle campane”, realizzato in data 23/03/2014, a cura di Maria Vittoria Ciampoli e Stefano Dionisi con la collaborazione di Cesare Mancini.

Video: Nella sezione “Video” sono presenti i seguenti file:

Rintocchi di vittoria“, realizzato in data 16/08/2005; immagini: Elena Fabbiani, Antonio La Marca; montaggio: Marco Giudici.

Le campane dell’oratorio di San Giacomo annunciano la vittoria riportata sul Campo dalla Contrada della Torre il 16 agosto 2005.

La campanina “sòna” nell’Oratorio“, realizzato in data 06/05/2014; immagini: Filippo Gastone Scheggi; montaggio: Filippo Gastone Scheggi.

Il coro della Contrada della Torre, diretto dal Maestro Sergio Daviddi, intona “Sòna sòna Campanina” all’interno dell’Oratorio di San Giacomo.

 

Autore scheda: Contrada della Torre; Maria Vittoria Ciampoli

 

invia ad un amico Stampa
  • Dove si trova sulla mappa
  • Istoria della Cont...

    Luogo: Archivio della

     

    Giuseppe Partini...

    Luogo: Via

     

    La chiesa, perduta...

    Luogo: vicolo

  • Giovanni di Lorenz...

    Luogo: via

     

    Gli artisti "contr...

    Luogo: via

     
      • Campana maggiore
        Corona
        Sant'Anna
        Elefante
      • Campana minore
        San Cristoforo
        San Giacomo
        Campanina
      • Lato del campanile
        Panorama
        Disegno d’insieme
      • Istoria della Cont...

        Luogo: Archivio della

         

        Giuseppe Partini...

        Luogo: Via

         

        La chiesa, perduta...

        Luogo: vicolo

      • Giovanni di Lorenz...

        Luogo: via

         

        Gli artisti "contr...

        Luogo: via

         
      • YouTube Video S-FvDbp1LqE
      YouTube Video ZPuVDtQyr1E
    • La voce delle campane

      Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.