login
registration

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Estrazione a sorte

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Don Vittorio sul palco

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Don Vittorio sul campo

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Lavori al Costone

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Don Vittorio nella stalla

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Don Vittorio nel suo studio

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Don Vittorio educatore

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Don Vittorio e squadra

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Al Santuario di Montenero

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Don Vittorio a Pontignano

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Don Vittorio al Costone

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

All'Eremo di Lecceto

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Don Vittorio con i capitani

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Don Vittorio con i ragazzi

Monsignore, capitano, bibliofilo: semplicemente Don Vittorio

Luogo: Piazzetta della Selva, Siena

Contrada: Contrada della Selva.

Denominazione: Biblioteca Don Vittorio

Data/periodo: Nato a Siena il 14/11/1912. Morto a Siena l’8/3/1999

Descrizione: All’interno del museo della contrada della Selva vi sono alcune stanze dedicate alla conservazione della biblioteca di Don Vittorio Bonci: questo fondo è un’ampia ed eterogenea collezione di libri in corso di catalogazione, giunti alla contrada grazie alla donazione testamentaria di questo grande senese che ha voluto fare, al momento della morte avvenuta nel 1999, un ultimo immenso regalo alla propria contrada. Vittorio Bonci nasce a Siena nel 1912, ordinato sacerdote nel 1937, diviene subito parroco della Certosa di Pontignano dove opera fino al 1954. La sua passione, la fervente fede e le qualità umane, nonché l’instancabile operato, lo rendono subito amatissimo dalla comunità locale che partecipa con entusiasmo e compattezza alle attività della parrocchia. Tra l’altro, proprio a Don Vittorio, in tempi duri come quelli della seconda guerra mondiale, viene affidato l’incarico di rettore delle locali scuole elementari e della scuola serale per adulti. Terminato il conflitto per rinsaldare ancora di più la comunità e per dare ai giovani i giusti insegnamenti, seguendo la grande passione per lo sport che sempre contraddistinse la propria vita, fondò sempre a Pontignano la società sportiva “l’Audace”, costruendo anche un campo di calcio. Nominato nel 1954 direttore del ricreatorio Pio II al Costone vi si trasferì ed analogamente a quanto accaduto nell’ex parrocchia alle porte di Siena, riorganizzò il ricreatorio trasformandolo in un vero e proprio gruppo sportivo con tanto di affiliazione alla Federazione Italiana Pallacanestro all’interno della quale le squadre del Costone seppero subito mettersi in grande evidenza. Nello stesso periodo ricoprì anche l’incarico di cappellano della clinica Salus e di insegnante di religione cattolica in alcune scuole cittadine. Nel 1977 fu nominato canonico della cattedrale e rettore della Chiesa di San Pellegrino alla Sapienza dove rimase fino al momento della sua dipartita. In questi anni fondò il circolo sociale “Siena Amica” con lo scopo di promuovere lo studio della civiltà e della cultura senese, ideando tra l’altro un’omonima rivista con uscita bimestrale. Nel 1988 viene insignito dal “Concistoro del Mangia” della “medaglia d’oro”, uno dei massimi riconoscimenti civici senesi a lui conferita per le molte opere svolte a Siena in campo religioso, civile, culturale e sportivo. Tornando alla propria passione per Siena e per le contrade fu correttore della Contrada della Selva per oltre trent’ anni, benedì 10 cavalli vittoriosi, guidò spiritualmente il popolo di Vallepiatta con entusiasmo ed originalità per lunghi anni felici. Il suo carisma, la sua passione, l’innata simpatia lo portarono infine ad essere eletto capitano della contrada nel biennio 1983/84. La biblioteca che ha donato alla contrada consta di circa diecimila volumi che trattano gli argomenti più svariati e si fregia di alcune ampie raccolte monografiche inerenti Santa Caterina da Siena, il Beato Antonio Rosmini ed Idilio dell’Era. Il fondo vanta inoltre numerosi manoscritti, articoli, foto, riviste, lettere e diari redatti da Don Vittorio a partire suoi primi anni di seminario per arrivare fino alla morte , capaci di tracciare della vita di questo grande uomo di Siena, un quadro limpido e vibrante.

Note: Il fondo comunemente conosciuto come “Biblioteca di Don Vittorio” è attualmente in corso di catalogazione e la datazione dei volumi in esso contenuti copre un arco temporale ben più ampio di quello relativo agli anni di vita del religioso che li raccolse, con testi risalenti anche al XVIII secolo. Una volta completata la schedatura dei materiali, la contrada della Selva intende rendere la biblioteca fruibile non solo ai propri contradaioli ma anche al pubblico.

Autore scheda: Contrada della Selva; Alessandra Antonini

invia ad un amico Stampa
  • Dove si trova sulla mappa
  • Il Costone, simbol...

    Luogo: Via del

     

    Le sedi della Cont...

    Luogo: Via dei Fusari

     
      • Estrazione a sorte
        Don Vittorio sul palco
        Don Vittorio sul campo
        Lavori al Costone
      • Don Vittorio nella stalla
        Don Vittorio nel suo studio
        Don Vittorio educatore
        Don Vittorio e squadra
      • Al Santuario di Montenero
        Don Vittorio a Pontignano
        Don Vittorio al Costone
        All'Eremo di Lecceto
      • Don Vittorio con i capitani
        Don Vittorio con i ragazzi
      • Il Costone, simbol...

        Luogo: Via del

         

        Le sedi della Cont...

        Luogo: Via dei Fusari